Comunicazioni & News

Risonanza magnetica e claustrofobia: con le macchine di nuova generazione è più semplice superare la propria paura

La claustrofobia è la paura morbosa determinata degli spazi chiusi e ristretti. Chi soffre di questo disturbo viene assalito da una sensazione di angoscia, forte disagio o panico non appena si trova rinchiuso in stanze di piccole dimensioni, senza finestre, o in altre situazioni che creano oppressione e danno l'impressione di essere in trappola. Una di queste situazioni è proprio la risonanza magnetica, esame diagnostico che molte persone tendono a evitare proprio perché ne hanno paura, mettendo a rischio la loro salute.

Dalla loro creazione, le macchine per la risonanza magnetica hanno avuto un grande impatto sul modo in cui vengono diagnosticate alcune malattie e vengono studiati gli organi interni: grazie a tali macchinari, infatti, si è in grado di diagnosticare e studiare in modo accurato malattie infiammatorie, degenerative o neoplastiche anche in fase iniziale che interessano l’encefalo, la colonna vertebrale, gli organi dell’addome superiore, della pelvi e dell’apparato muscolo-scheletrico.

È necessario sottolineare che il tema risonanza magnetica e claustrofobiala paura di essere chiusi in uno stretto tubo – è per lo più un retaggio del passato, che risale a oltre 20 anni fa, quando le apparecchiature erano effettivamente costituite da un tunnel lungo e stretto.

Con le macchine di nuova generazione, oggi risonanza magnetica e claustrofobia non è più una questione insormontabile.

Se soffri di claustrofobia, la risonanza magnetica, oggi, non è più un esame inaccessibile: le macchine di nuova generazione – come quella che utilizziamo alla Casa di Cura Fogliani – sono molto più confortevoli che in passato.  Il paziente è fatto adagiare in un tunnel breve e ampio, come quello della TC, che non è considerata una indagine a rischio di claustrofobia.

 

Risonanza magnetica per claustrofobici: come superare la paura dell’esame.

Come per tutte le cose, più si conoscono e meno si temono. Quindi, per quanto riguarda risonanza magnetica e claustrofobia, riteniamo che possa leggermente alleviare la tua ansia sapere qualcosa in più sulla risonanza. Ebbene la RM è una procedura di imaging che utilizza un grande magnete, radiofrequenze e un computer per produrre immagini dettagliate di organi e strutture all'interno del corpo in modo che i medici possano formulare o "escludere" diagnosi. La risonanza magnetica non utilizza le radiazioni, come fanno invece i raggi X o le scansioni TC.

Come già ti abbiamo detto, la macchina per la risonanza magnetica è una grande apparecchiatura a forma di tubo all'interno della quale giacciono i pazienti; la risonanza magnetica crea un forte campo magnetico attorno al paziente. Il campo magnetico e i relativi impulsi delle onde radio producono segnali dal corpo che vengono rilevati e convertiti in immagini da un computer. Queste immagini vengono visualizzate su un display video da esperti radiologi che studiano le immagini per vedere con precisione organi e strutture all'interno del tuo corpo.

Un grande vantaggio di tali apparecchiature per la risonanza magnetica per claustrofobici consiste nel fatto che il tempo in cui rimarrai nello scanner RM è oggi più breve che in passato, grazie al fatto che tali macchine oggi dispongono di sistemi di elaborazione delle immagini più avanzati, modalità di acquisizioni e tipologie di sequenze innovative che consentono una significativa riduzione dei tempi necessari per l’esecuzione degli esami ed inoltre il magnete è molto più ampio e corto pertanto più confortevole ed inoltre molti esami sono eseguiti con la testa del paziente situata al di fuori del magnete.

Vi è un ulteriore aspetto da considerare: se soffri di claustrofobia, la risonanza magneticapur migliorando oggi notevolmente il tuo comfort, come hai potuto constatare – emette un rumore che, pur minore che in passato, potrebbe infastidirti. Devi sapere che in gran parte si può aggirare l’ostacolo mediante l’uso di cuffie e tappini che ti forniremo noi direttamente e che possono ridurre ulteriormente il rumore.

Se il tuo medico ti ha prescritto una risonanza magnetica e il tuo primo pensiero è stato quello di non sottoporti all’esame, perché ritieni che, soffrendo di claustrofobia, la risonanza magnetica sia un'indagine diagnostica che non sei assolutamente in grado di affrontare, desideriamo farti sapere che alla Casa di Cura Fogliani prestiamo particolare attenzione alla tua paura: se lo desideri, potrai effettuare un colloquio preventivo col medico, che ti farà anche vedere il macchinario che sarà utilizzato.