Comunicazioni & News

Prevenzione dei disturbi respiratori: cosa cambia con il Covid-19

L’Istituto Superiore di Sanità pone da sempre grande attenzione su tutti i disturbi della respirazione e classifica le malattie respiratorie croniche come la terza causa di morte in Italia, dopo le malattie cardiovascolari e quelle neoplastiche. La pandemia da Covid-19 ha ulteriormente aggravato questo quadro, colpendo specialmente le vie respiratorie alte e causando gravi disturbi respiratori o acutizzando le situazioni già compromesse. Nella fase post-pandemica saranno dunque ancora più importanti le misure di prevenzione, attraverso attività dedicate alla sensibilizzazione e a specifici protocolli per la visita pneumologica e spirometria.
 

Disturbi del respiro: le principali patologie

Tra le principali malattie dell’apparato respiratorio troviamo al primo posto l’asma che, secondo la Global Initiative for Asthma, colpisce oltre 300 milioni di persone nel mondo e più di 30 milioni in Europa. Tra le altre patologie e disturbi della respirazione cronici distinguiamo:
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva, principalmente dovuta al fumo di sigaretta, provoca la parziale ostruzione delle vie respiratorie;
  • Bronchiettasia, che causa la dilatazione delle vie respiratorie e l’accumulo di muco, con il conseguente aumento del rischio di infezioni polmonari;
  • Enfisema, patologia causata prevalentemente dal fumo di tabacco e caratterizzata da un progressivo danneggiamento degli alveoli;
  • Fibrosi polmonare, che può portare fino all’insufficienza respiratoria, ovvero all’incapacità dell’apparato di garantire un corretto livello di scambio di ossigeno e anidride carbonica;
  • OSAS, la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno, caratterizzata da interruzioni della respirazione durante il sonno, dovute alla parziale o totale ostruzione delle prime vie aeree.
 
Oltre alle patologie croniche, vi sono altre patologie e disturbi respiratori che colpiscono questo apparato:
  • Influenza e polmonite;
  • Bronchite acuta, bronchiolite acuta e altre infezioni acute che coinvolgono le basse vie respiratorie;
  • Pneumoconiosi e altre patologie polmonari dovute ad agenti esterni;
  • Edema polmonare, ARDS e altre pneumopatie dell’interstizio. 
 

Disturbi respiratori: fattori di rischio, prevenzione e accertamenti tra spirometria semplice, visita pneumologica e spirometria

I principali fattori di rischio per i disturbi del respiro sono ben noti alla comunità scientifica, in particolare quelli modificabili che riguardano lo stile di vita come il fumo, l’alimentazione scorretta, la sedentarietà, gli allergeni, l’obesità e l’esposizione ad agenti inquinanti. Ne consegue la possibilità di prevenire diversi disturbi respiratori grazie al cambiamento di alcune abitudini, prima tra tutte quella del fumo, ed effettuare test di funzionalità respiratoria e controlli preventivi come la spirometria semplice o la visita pneumologica e spirometria
La spirometria semplice è un esame facile e non invasivo ma di fondamentale importanza, in quanto permette di indagare la salute dei polmoni e individuare immediatamente eventuali alterazioni delle vie aeree, anche in soggetti asintomatici. Grazie a una visita pneumologica e spirometria è inoltre possibile diagnosticare precocemente l’asma bronchiale e la broncopneumopatia cronica ostruttiva, in modo da intervenire tempestivamente durante la fase in cui è ancora possibile interrompere la degenerazione di queste patologie.  
 

Disturbi del respiro e Covid-19

Come ormai ben noto, il Covid-19 ha avuto come principale bersaglio l’apparato respiratorio e oggi più che mai è importante la prevenzione di queste malattie. Chi presenta una patologia respiratoria è più vulnerabile a tutti i virus e corre più rischi di sviluppare un’infezione e complicazioni respiratorie dovute al Coronavirus. Anche gli esiti polmonari causati dal Long Covid, come la difficoltà nella respirazione, l’affanno e la tosse persistente, possono essere più gravi e persistenti nelle persone che soffrono di disturbi della respirazione. È importante ricordare che anche durante tutta la fase post-pandemica rimarrà di vitale importanza la prevenzione delle patologie legate all’apparato respiratorio. 
Se stai cercando un ambulatorio per la spirometria Modena o altri esami clinici per indagare lo stato di salute e la funzionalità dell’apparato respiratorio, il team di specialisti della Casa di Cura Fogliani eroga prestazioni per indagare l’eventuale presenza di stati patologici come prick test, visita pneumologica e spirometria.
Siamo sempre alla ricerca di professionisti da annoverare fra i nostri collaboratori. Se sei interessato a una valutazione del tuo curriculum segui questo link e lasciaci i tuoi dati. In questo momento non abbiamo posizioni aperte, ma sarai ricontattato non appena avremo bisogno.